20121122 FLC Campania – Sciopero e manifestazione nazionale a Roma di sabato 24 novembre. Dichiarazione Vassallo, segr. gen. FLC Campania

0
126

22 novembre 2012

Deludente l’incontro di stamattina a Palazzo Chigi con il Governo

LA FLC CGIL CONFERMA LO SCIOPERO E LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA DI SABATO 24 NOVEMBRE

Dichiarazione del segretario generale FLC Campania, Giuseppe Vassallo

La FLC CGIL conferma lo sciopero generale e la manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori della scuola sabato 24 novembre, in quanto restano in piedi tutte le ragioni della mobilitazione anche dopo l’incontro di stamattina a Palazzo Chigi delle Organizzazioni sindacali con esponenti del Governo.

Non vengono affrontati i nodi veri della scuola pubblica, quali la necessità di maggiore risorse, il rafforzamento e la stabilità degli organici, il trasferimento forzato dei docenti inidonei sui profili ATA, il piano di stabilizzazione del personale precario, il rinnovo del contratto bloccato da tre anni, le immissioni in ruolo del personale ATA per il corrente anno scolastico, la sicurezza degli edifici scolastici.

Anche volendo ragionare esclusivamente sugli scatti di anzianità, la questione si presenta grave: il Governo intende recuperare le risorse che servono tagliando di 390 milioni di euro, un terzo dell’intero ammontare, il Fondo di istituto, che, nel giro di un paio d’anni, rischia di scomparire.

In pratica sono gli stessi lavoratori a pagare gli scatti, avendo ridotto il salario accessorio.

In più, si continua a percorrere la strada dell’impoverimento della scuola pubblica che, con le risorse ridotte, dovrà rinunciare agli interventi compensativi e di arricchimento dell’offerta formativa. Nelle zone disagiate, tante in Campania, sarà un colpo mortale.

Infine, nonostante non ci metta un euro, il Governo ritiene che la conferma degli scatti di anzianità debba essere compensata da un aumento della produttività del personale, a parità di salario.

Tanti i motivi per confermare le iniziative programmate.

Giuseppe Vassallo

Napoli, 22 novembre 2012

 

22 novembre 2012

Deludente l’incontro di stamattina a Palazzo Chigi con il Governo

LA FLC CGIL CONFERMA LO SCIOPERO E LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA DI SABATO 24 NOVEMBRE

Dichiarazione del segretario generale FLC Campania, Giuseppe Vassallo

La FLC CGIL conferma lo sciopero generale e la manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori della scuola sabato 24 novembre, in quanto restano in piedi tutte le ragioni della mobilitazione anche dopo l’incontro di stamattina a Palazzo Chigi delle Organizzazioni sindacali con esponenti del Governo.

Non vengono affrontati i nodi veri della scuola pubblica, quali la necessità di maggiore risorse, il rafforzamento e la stabilità degli organici, il trasferimento forzato dei docenti inidonei sui profili ATA, il piano di stabilizzazione del personale precario, il rinnovo del contratto bloccato da tre anni, le immissioni in ruolo del personale ATA per il corrente anno scolastico, la sicurezza degli edifici scolastici.

Anche volendo ragionare esclusivamente sugli scatti di anzianità, la questione si presenta grave: il Governo intende recuperare le risorse che servono tagliando di 390 milioni di euro, un terzo dell’intero ammontare, il Fondo di istituto, che, nel giro di un paio d’anni, rischia di scomparire.

In pratica sono gli stessi lavoratori a pagare gli scatti, avendo ridotto il salario accessorio.

In più, si continua a percorrere la strada dell’impoverimento della scuola pubblica che, con le risorse ridotte, dovrà rinunciare agli interventi compensativi e di arricchimento dell’offerta formativa. Nelle zone disagiate, tante in Campania, sarà un colpo mortale.

Infine, nonostante non ci metta un euro, il Governo ritiene che la conferma degli scatti di anzianità debba essere compensata da un aumento della produttività del personale, a parità di salario.

Tanti i motivi per confermare le iniziative programmate.

Giuseppe Vassallo

Napoli, 22 novembre 2012